l_3175_foodblogger-piu--famosi

Sembrano quasi figure mitologiche. Il Web, ne è stracolmo,ma in realtà fanno parte di un modo di fare informazione in uso da anni. L’avvento dei social network nello specifico: Facebook e Twitter, li ha per qualche anno apparentemente eclissati. Loro sono i blogger. Siamo un po’ lontani dal blog che noi generazione anni 90’ usavamo su MSN per raccontarci e farci conoscere ad i nostri amici.

Ora lo spirito è cambiato. Aprire un blog è un potenziale investimento, crea visibilità e può diventare un vero e proprio BUSINESS.

L’ aspirazione massima per il blogger (autore del blog) sta nel vendere le proprie idee e la propria immagine così da poter diventare < il prodotto di se stesso> . Tutto questo interesse mediatico   ed economico ha origine in un ambiente patinato fino a qualche anno fa accessibile solo ad un’elite: LA MODA.

Ha lanciato e in alcuni casi rilanciato ragazze e ragazzi sui quali nessuno prima dell’era digitale avrebbe scommesso, creandone veri e propri vip, spesso di fama nazionale o addirittura mondiale. Da qui, nasce l’eccezione più discussa e famosa,al momento, di blogger. Si tratta dei così detti fashion blogger o influencer. Ragazzi che con l’aiuto di un   social network , Instagram (dove vi è la gara a chi ha più seguaci, i così detti follower ) ,sono riusciti a diventare delle vere icone di stile e di vita, imitati e seguiti un po’ da tutti. Due   nomi su tutti??? Chiara Ferragni e Mariano Di Vaio. Sono loro i personaggi mediatici del momento, che con   i loro blog, sono riusciti a farsi notare dal mondo della moda, diventando milionari imprenditori, invidiati in Italia e negli Usa. Mariano e Chiara sono   solo due dei tanti nomi,che al momento impazzano sul web e tra le classifiche dei personaggi (blogger nello specifico) più cliccati.

Ma la moda non è l’unico “teatro di battaglia” per i blogger.

Da qualche tempo si fa sempre più spazio ad un’altra tipologia di blog, ovvero   quella gastronomica, “mamma” di una nuova figura, il foodblogger,critico culinario non qualificati con la passione per il cibo e la cucina.

Insomma, ormai viviamo in una società web che   a differenza di quella reale, tenta di dare a noi giovani, canali e mezzi affinché le nostre passioni possano diventare dei lavori veri e propri.

Flavia