Il dolce prediletto del Carnevale: la vera storia delle chiacchiere…

Ciao ragazzi, come state??? Lo so, come al solito sono stata molto,( forse anche troppo assente) ma sono tornata con una storia molto particolare ed inerente al periodo nel quale ci troviamo.

 

Sono bloccata a casa, ma malgrado la mia fossilizzazione, dai vostri post e attraverso un breve consulto del   calendario mi sono resa conto che siamo già nel periodo di carnevale.

 

Lo scorso anno vi ho raccontato la centenaria storia del carnevale di Venezia, quest’anno però ho deciso di trattare vari aspetti, dalle maschere ad i dolci, e proprio da questi ultimi vorrei partire.

 

Se vi capita di andare in pasticceria, in un panificio o in qualche supermercato la prima cosa che noterete è che il reparto dolci è adornato da dei tipici dolci carnvaleschi.

 

Il dolce per antonomasia di questo periodo sono le chiacchiere, dette anche bugie o frappe a seconda della regione nella quale vi troviate.

 

Siamo abituati a dare queste delizie per scontate , in realtà la tradizione che ce le ha fatte arrivare fino ad i nostri giorni è secolare. Parte direttamente dalla Roma antica.

 

Come ben sappiamo, anche il carnevale è un’antica tradizione che   si celebrava già ad i tempi dei romani, ma si chiamava Saturnali.

 

Il periodo dei Saturnali era molto particolare per la Roma antica, ogni ceto sociale veniva abbattuto, tutti potevano essere quello che durante la vita di ogni giorno era impensabile fossero.

 

Durante questo periodo si succedevano banchetti e feste popolari.

Le tavole erano imbandite   da dolci, quello che però suscitava maggiore entusiasmo tra i commensali si chiamava frictalia. Dolci fritti nel grasso di maiale.

 

La loro preparazione era semplice, le materie prime per la   realizzazione economiche.

 

Tutti, anche i più poveri potevano concedersi un attimo di dolcezza.

 

Esiste , però, una leggendaria ma non attendibile storia   sulle chiacchiere, riconducibile alla tradizione Napoletana.

Leggenda narra che una   regina di casa Savoia (mai identificata) era intenta a fare salotto con i propri ospiti di corte quando il desiderio di dolce la assalì (cambiano i tempi ma la golosità, a quanto pare rimane la stessa).

 

La Sovrana commissionò al cuoco personale, tale Raffaele Esposito, la preparazione di un dolce adatto ad essere consumato nel corso delle facezie aristocratiche. Fu lo stesso chef a scegliere il nome e lo chiamo “chiacchiere”.

#thecrazyjoy

Leave a comment



Yeezy 350

6 mesi ago

haovhbld,Hi there, just wanted to say, I liked this article. It was helpful. Keep on posting!

logo white

Copyright A.C. 2017 © All Rights Reserved