6129-uova-di-pasqua-622x466

la storia dell’uovo di Pasqua

Cari lettori tra qualche giorno sarà Pasqua ( lo so, molti di voi, soprattutto quelli che ormai non frequentano più la scuola dell’obbligo, penseranno che Natale sembra essere passato da poco) e tutti noi compreremo o stiamo già prendendo il simbolo più goloso di questa festa, l’uovo di Pasqua.

E’ proprio per questo motivo che in questo articolo vorrei narrarvi la storia di questa dolce tradizione.

 

 

L’uovo, di per se, è sempre stato un oggetto anzi un “alimento” al quale sia   a sfondo religioso che pagano viene attribuita una certa simbologia.

 

In particolare, il Cattolicesimo,vedeva in passato l’uovo come simbolo della vita, rielaborandolo nella prospettiva della Resurrezione. L’uovo ha una forma molto simile a quella del sasso e per questo sembra essere privo di vita ma in realtà rappresenta una vita   pronta a sbocciare. Da questo lo si vede come simbolo di Resurrezione .

 

L’usanza dell’uovo decorato, però, si sviluppò solo nel periodo del Medioevo come regalo per la servitù.

 

La tradizione di regalare uova nel periodo pasquale si diffuse maggiormente in Germania.

 

All’inizio erano uova decorate. Il processo per colorarle era chiaramente naturale, uova avvolte con delle foglie e fiori in modo da dipingersi naturalmente .

 

Sempre nel periodo del Medioevo prese piede anche la tradizione di decorare le uova con materiali preziosi come l’argento, platino ed oro che ovviamente andavano in dono agli aristocratici e nobili.

 

Dopo il clamore ottenuto durante il periodo medioevale, la simbologia che collegava il concetto di uovo alla Resurrezione continuò per molti altri secoli.

 

Fino a quando   nel XX secolo, da prototipi del Settecento, si iniziò a produrre uova di cioccolata arricchite all’interno da un piccolo presente .

 

La produzione inizialmente fu eseguita solo artigianalmente ma gradualmente avvenne quella industriale. Tanto da creare un vero business come quello attuale che porta le industrie dolciarie a mettere in commercio le uova un mese prima delle festività pasquali, così da far in modo che la clientela possa acquistarle per tempo (un po’ come avviene con i preparativi del Natale).

 

 

Detto questo non mi resta che augurarvi Buona Pasqua e magari chissà, tra qualche giorno potrei stupirvi con qualche altro articolo sulle nostre tradizioni pasquali.

Flavia

B7C6C322-6ADF-447B-8960-867E6034D6ED

Ayres (Body Butter and Body Lotion)

Cari Lettori, oggi vi scrivo per darvi una delucidazione sull’azienda Ayres con la quale, come avrete potuto vedere dalle foto sui social , ho collaborato.

L’Ayres mi ha inviato due prodotti una Body Lotion e una Body Butter.

La BODY LOTION  “Pampas Sunrise” , idrata la pelle, e lo fa rivitalizzandola con l’azione antiossidante delle vitamine A ed E.

 

I toni del bergamotto mischiati al mandarino, limone, pachiuli e alla menta peperita danno alla crema dal colore bianco e un profumo esotico ed intendo.

La confezione è pratica dal colore marrone, con un diffusore che permette la praticità di applicazione.

Va applicata ogni giorno mattina e sera per avere il maggiore risulato, adatta ad ogni tipo di pelle idraterà la vostra epidermide profumandola per lungo tempo.

IL BODY BUTTER “Midnight Tango”, è un burro anche questo idratante, a consistenza è a base di olii all’arancia e alla vaniglia.

Il profumo è molto dolce, va applicata dopo la doccia o il bagno o una giornata fredda.

la confezione è rotonda, pratica ed ideale da mettere in bagno. L’idratazione che lascia sopratutto nelle giornate più fredde è ottima, p profuma l’epidermide e la liscia.

Fatemi sapere che ne pensate voi, alla prossima.

Flavia

 

luigifarina8001008

La storia della Sfincia di San Giuseppe…

Come tutti sappiamo oggi è il 19 Marzo, giorno in cui si festeggia il papà e più religiosamente San Giuseppe.

 

In Sicilia, dove ogni scusa è buona per mangiare prelibatezze, durante questa giornata si imbandiscono tavolate piene di ogni più storico ma saporito alimento. Molti sono dolci ma quello che padroneggia sulle tavole di tutti noi siciliani è indubbiamente la “Sfincia di San Giuseppe”.

 

 

Il nome Sfincia deriva dal latino spongia cioè spugna e probabilmente attribuitogli a causa della sua particolare forma che si presenta come una frittella morbida e irregolare, proprio come una vera e propria spugna.

 

L’origine è antichissima compare seppur con nomi diversi nella Bibbia o nel Corano, sembra anche che sia l’evoluzione di dolci Arabi o Persiani fritti nell’olio.

 

Di origine antiche, questa frittella è stata trasformata in un dolce prelibato dall’abilità delle suore del monastero delle Stimmate, situato a Palermo, che lo hanno tramandato ai pasticceri palermitani e dedicato a San Giuseppe, Santo degli umili, come del resto sono gli ingredienti.

 

All’inizio la ricetta era semplice, ma i pasticceri siculi hanno deciso di arricchirla con ricotta, pistacchio e canditi di scorza d’arancia.

 

Un’antica tradizione narra   che la Sfincia venisse preparata dalla suocera per la nuora per cercare di distendere i rapporti tra le due, tipicamente in conflitto per il legame che le lega allo stesso uomo (figlio e marito).

 

Raccontato ciò vorrei fare gli auguri a tutti i Giuseppe o Giuseppa ed i papà che celebreranno la loro festa mangiando una tradizionale ed antica, Sfinge.

Flavia

matilde

“Donne, oltre le gambe c’è di più”. La storia della prima giornalista, redattrice italiana: Matilde Serao.

Cari lettori, è appena trascorsa la festa della donna, e con qualche (circa sette per la precisione) giorni di ritardo (ma sempre con la stessa efficacia) vorrei narrarvi,   di una donna la storia cui non è molto nota ma la cui importanza “mediatica” per noi donne è importantissima.

 

Si tratta di Matilde Serao, prima donna giornalista e fondatrice di un quotidiano.

 

 

Nata a Petrasso il 7 Marzo 1856 dall’unione tra un avvocato napoletano Francesco Serao e Paolina Borely (nobile greca decaduta).

 

Il padre, Francesco, avvocato ma anche giornalista aveva dovuto lasciare la sua città poichè ricercato per movimenti antiborbonici e si trasferì in Grecia dove trovò lavoro da insegnante e conobbe   quella che divenne madre di Matilde, Paolina.

 

Nel 1850 con la caduta di Francesco II, la famiglia si trasferì a Napoli.

 

La vita di Matilde trascorse felice e serena tra la redazioni giornalistiche dove lavorava il padre ma nonostante questò ed il molto impegno della madre imparò solo da grande a leggere e scrivere.

 

Sedicenne riuscì a diplomarsi e a vincere un concorso come telegrafista, lavoro che le servì per aiutare la famiglia. Nonostante fosse impegnata quasi tutto il giorno, iniziò a scrivere per dei giornali.

 

I primi furono brevi articoli scritti per il giornale di Napoli, e a ventidue anni completò la sua prima Novella.

 

Da Napoli partì alla conquista della Capitale, dove la sua fama di donna emancipata conquistò tutti anche nei salotti nobiliari.

 

A Roma trovò marito, lo scrittore e critico letterario Edoardo Scarfoglio, dal quale ebbe dei figli. Anche nel periodo delle gravidanze, continuò a lavorare come scrittrice.

 

Insieme il marito fondarono un giornale a Roma che non decollò e li ridusse pieni di debiti.

 

Per questo   l’incontro con il proprietario del Quotidiano del Mattino, che li finanziò, fu fatale li portò alla decisione di ritornare a Napoli e di aprire un giornale lì : il Corriere di Napoli. Sul quale collaborarono grandi firme come D’Annunzio e Carducci.

 

Nel 1861 Matilde ed il marito lasciarono la testata e con i soldi che racimolarono decisero di fondare un altro giornale, il Mattino.

 

Nel 1900 la firma di Matilde fu estromessa dal giornale e causa di alcuni problemi mediatici, ma lei non demorse e si occupò di una rivista che si chiamava la Settimana, con la quale però non ebbe molto successo.

 

Nel 1903 lasciò il marito per congiungersi con un altro giornalista, Giuseppe Natale. In questo periodo decise di aprire e dirigere un nuovo quotidiano, il Giorno. Così da diventare   la prima donna italiana capace di fondare e dirigere una testata giornalistica.

 

Dopo la morte di Scarofiglio sposò Natale, e soggiunta anche la morte di quest’ultimo, rimase sola   sentimentalmente ma continuò il suo lavoro letterario e giornalistico con la stessa vitalità di prima.

Morì sulla sua scrivania, nel 1927 mentre stava scrivendo un articolo.

 

Matilde è stata una delle prime donne capace di dimostrare in una società prettamente maschilista, che il così detto “sesso debole” non esiste e che essere donna significa riuscir a poter fare e gestire molte cose insieme.

 

12751566_233616146978155_781390906_n

Le DIECI cose da avere o fare nel mese di Marzo….

Ed eccoci un nuvo mese ha inizio ed io come sempre, ho cercato per voi le tendenze che lo delinieranno e che ci coinvolgeranno.

MAKE UP:

  •    E’ di wjcon la tendenza di Marzo 2018, in realtà era uscito a Gennaio,ma adesso con l’arrivo della primavera l’utilzzo si può anche diffondere. Sono smalti semipermanenti, la  loro durata è migliore e le colorazioni sono varie e tutte da scoprire.
  •  La Primavera ci vuole in forma e scintillanti  e proprio per questo un ottimo alleato può esssere l’illuminante viso Mac.

OUTFIT:

  •   E’ di Desigual la borsa, anzi la Pochette, del momento. Versatile ed elegante a tempo stesso.
  •    Lo abbiamo visto su ogni pagina Instagram, e continua a persistere, l’accessorio più trendy di quest’anno è ancora il cappello da capaitano.

SERIE TV:

  •   Ritorna dal 9 Marzo sulla piattaforma di Netflix la terza ed ultima stagione di Love.
  • Serie tv suol calcio lanciato da Netflix, storie private che si intrecciano a quelle sportive, ricca di colpi di scena.

FILMS:

  •  Commedia di Paolo Genovese , tratta l’esilarante ed angosciante storia di due ragazzi che tentano di unirsi in matrimonio affrontando varie peripezie e sopratutto il malcontento di uno dei loro genitori.
  •  Uscito il primo marzo, lady bird è la storia di una studentessa che per accumulare crediti per l’iscrizione in un prestigioso collage decide di frequentare un corso teatrale che le porterà nuove amicizie amori e sopratutto che delinierà il rapporto con i suoi genitori.

LIBRI:

  •  Narra la storia di cinque ragazzi, adolescenti tutti diversi, ma uniti da una sola cosa:la fragilità che non puoi dimostrare agli altri ma che devi tenere per te ed interiorizzare. tutte queste emozioni porteranno uno dei cinque a morire ed i sospettati saranno proprio loro, i quattro ragazzi rimasti con lui.
  •  E’ la storia della piccola Genziana Olivares, cresciuta in una terrefazione Palermitana che proprio nel periodo di maggior fioritura della sua giovinezza  irrompe nella sua vita la guerra, il lutto e la fame ma non per questo si arrende. Genziana vive e si da fare, anche se lo scenario è apocalittico. Tutto è distrutto ma nonostante ciò conosce l’amore e riesce a cambiare la sua vita.

Flavia

logo white

Copyright A.C. 2017 © All Rights Reserved